Sapri, nel Cilento, è il nuovo set di James Bond in Italia Εκτύπωση
Συντάχθηκε απο τον/την Maya   
Δευτέρα, 28 Οκτώβριος 2019 11:03

Dopo la Puglia e la Basilicata,

è ora il turno della Campania: l'agente segreto più famoso di

sempre sbarca a Sapri, piccolo gioiello del Cilento.

Αποτέλεσμα εικόνας για foto sapri nel cilento

È un piccolo comune della provincia di Salerno, Sapri. Si affaccia sul Golfo di Policastro, in Campania, e sta facendo parlare di sé per un motivo speciale: è infatti qui, a pochi chilometri dal confine con la Basilicata, che presto si potranno avvistare Daniel Craig e Rami Malek.

Che il nuovo capitolo della saga James Bond, dal titolo “No time to die”, abbia scelto l’Italia come set non è certo un mistero: tra la Basilicata e la Puglia, diversi sono gli angoli del nostro Paese che faranno da sfondo alle spericolate acrobazie dell’agente segreto più famoso di sempre. Ora, dopo Matera, Maratea e Gravina di Puglia, è giunto il momento della campana Sapri.

Αποτέλεσμα εικόνας για foto sapri nel cilento

Qui si girerà alla stazione ferroviaria, al porto e al Canale di Mezzanotte dall’8 al 12 settembre, e successivamente il 23. Con grande orgoglio della popolazione e anche del sindaco, che ha deciso di posticipare al 16 l’apertura delle scuole per lasciare libere le aree destinate alle riprese

Immerso in una natura rigogliosa, circondato dall’Appennino meridionale, Sapri è un angolo di verde e d’azzurro le cui colline – alle spalle – pullulano d’ulivi e di querce. Raggiungendolo da nord, percorrendo la Strada Statale 18, ci si imbatte subito in tutta una serie di caratteristici edifici: il complesso gotico di Santa Croce, la Specola (torre alta 15 metri e costruita per le osservazioni astronomiche nel 1927), la chiesa dell’Immacolata col suo splendido portale in bronzo, i resti di una villa romana del I secolo a.C. A testimonianza di quanto antico sia questo luogo.

Αποτέλεσμα εικόνας για foto sapri nel cilento

Un luogo pieno di storia, certo, ma perfetto (soprattutto) per una vacanza al mare. Le acque di Sapri sono limpide, il fondale è basso e la sabbia è sempre pulita: motivi, questi, che motivano la sua popolarità soprattutto tra le famiglie coi bambini. La Bandiera Blu e la Bandiera Verde che da tempo ottiene ne sono la testimonianza.

Col monumento a Carlo Pisacane (patriota) come simbolo – a simbioleggiare l’avventura dei “trecento giovani e forti” venuti qui per combattere la tirannia e poi finiti uccisi dai contadini incitati dai borbonici -, Sapri ha per la verità una costa variegata, con la sabbia che prevale al nord e che al sud s’alterna con le rocce.  Se si procede poi verso il Canale di Mezzanotte (al confine con Maratea), ecco che si vedono grotte, piccoli anfratti e rocce a strapiombo sul mare.

Dalla spiaggia, poi, ci si può spostare nell’entroterra. E, qui, effettuare percorsi di trekking adatti ai principianti come ai professionisti. Il contesto è quello Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, che offre splendidi percorsi come il Sentiero Apprezzami l’Asino, L’Anello del Monte Ceraso e L’Ascesa al Monte Coccovello. Per godere di un panorama straordinario, sul mare e sulla collina.

https://siviaggia.it/luoghi-da-film/sapri-cilento-james-bond/245818/